Pancalli ricorda Chiarotti, “un grande”

“Ci sono persone, nella vita, che lasciano una traccia indelebile nel cuore di chi ha la fortuna di incontrarle. Andrea Chiarotti era una di queste”. Così il presidente del comitato italiano paralimpico Luca Pancalli ricorda il capitano della squadra azzurra di Para Ice Hockey morto oggi. “Sin dal primo incontro con lui, ha detto Pancalli- sono stato travolto dall’entusiasmo e dal sorriso di un ragazzo che aveva saputo ricostruire un proprio percorso di vita grazie allo sport, sapendo coinvolgere chiunque gli capitasse intorno con una passione che facevi fatica ad arginarla”. Il Para Ice Hockey italiano -ha agiunto Pancalli- “deve tantissimo a questo atleta, che ha seguito i ‘suoi’ ragazzi anche nell’ultima trasferta di PyeongChang, dopo un percorso personale che definire straordinario è riduttivo, quando dal nulla ha saputo creare una squadra che ha ereditato in fretta il gene della passione e della determinazione, caratteristiche tipiche di Andrea. È stato la scintilla che ha infiammato tanti cuori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sette + due =